Economia

Responsabilità economica

Settembre 24, 2020

Tutto quello che ho, l’ho ereditato. Ha fatto tutto mio nonno. Devo tutto al diritto di proprietà e al diritto di successione, io vi ho aggiunto il dovere della responsabilità.

Giovanni Agnelli


Il “dovere della responsabilità” ad oggi verte sullo sviluppo sostenibile, fondando tre principi cardine:

l’integrità dell’ecosistema, efficenza economica ed equità sociale. 

Per definizione, la responsabilità è la “possibilità di prevedere le conseguenze del proprio comportamento e correggere lo stesso sulla base di tale previsione”.

Si tratta di un concetto centrale dell’etica, fondato sul diritto, nella scienza sociale in genere e perfino nel linguaggio aziendale corrente, campi nei quali il termine assume significati specifici.


Nel secondo dopoguerra, l’obiettivo del marketing consisteva nel mostrare e vendere la merce, data la continua domanda e la scarsezza dell’offerta. Durante il boom economico che seguì, l’aumento dei competitors e lo sviluppo incontrollato di bisogni e prodotti creati a tavolino, sporcarono questa disciplina, giacchè, in tal contesto, essendo il marketing una disciplina e non una scienza, non può decidere se essere etico o no.

Già a partire dagli anni ’70 il bisogno di conciliare lo sviluppo economico delle imprese con uno sfruttamento delle risorse equo e moderato, portò alla fine alla recente sottoscrizione dei punti di Sviluppo sostenibile, garantendo un ruolo chiave alla responsabilità economica.


L’attuale pandemia da COVID-19 ha evidenziato, tra l’altro, l’intensificarsi della pressione da parte dei media circa le drammatiche tematiche climatiche e sociali globali, con una crescita generale del welfare a livello planetario.

Il futuro economico è incerto, tuttavia si po’ assistere già da ora alla nascita di nuove tendenze, incentrate sul cosiddetto consumo critico quale tendenza a rifiutare i beni tradizionali da parte dei consumatori, i quali diventano veri e propri promotori di prodotti solidali, equi e green.


La maturata psicologia di consumo attuale designa alla “sostenibilità” un ruolo di rilievo:

  • sostenibilità economica quale capacità delle organizzazioni di generare reddito in maniera continuativa e allo stesso tempo di fornire un posto di lavoro e maggiore welfare alla comunità in cui sono inserite;
  • sostenibilità ambientale, intesa come la capacità di permettere il rigenerarsi naturale delle risorse sfruttate, mantenendone un determinato standard qualitativo;
  • sostenibilità sociale, attraverso l’abilità di garantire condizioni di vivibilità e benessere umano come la salute, la giustizia, la sicurezza, la partecipazione, l’istruzione, senza fare distinzioni di genere o classe sociale.


Lo sviluppo sostenibile, per potersi concretizzare, abbisogna di strumenti e metodi affini ad alcuni modelli di Business, quale il modello di economia circolare, e di orientamenti normativi e/o metodologici specifici, come i CAM (criteri ambientali minimi) e molte delle certificazioni ISO etc.

I trends di mercato fanno ben sperare: le aziende che adotteranno lo sviluppo sostenibile quale approccio, potranno affermare a breve una leva per avvalorare ed accrescere il proprio valore aggiunto nel mercato di riferimento.

Adottare un orientamento alla sostenibilità significa riposizionare, interamente od in parte, l’azienda, sostenendo sostenendo una crescita equilibrata, sia delle imprese partner che di tutte le organizzazioni, le istituzioni e gli enti che con le loro attività interagiscono con l’ambiente circostante e con i vari stakeholders del caso.


In buona sintesi, questo cambiamento corrisponde al ridisegnare il modello di Business interno all’impresa per favorire un marco-modello economico contestuale.

0